Questi sono i “fondamentali” per un Marketing vincente!

Buon anno!

È il primo articolo che scrivo nel 2022, quindi un saluto così può ancora starci.

Ma non è solo un saluto, in realtà è il “Là” a questo pezzo.

Infatti, sono sicuro che da bravo imprenditore curioso e sempre alla ricerca di miglioramenti, avrai letto di come: flessibilità, uscire dagli schemi, pensare in modo innovativo e cliente-centrico, sia fondamentale per districarsi nel business di oggi.

Personalmente sono molto d’accordo con chi afferma che rimanere su posizioni vecchie e/o immutabili sia un rischio.

Se non altro perché in realtà di cambiamenti ne viviamo tutti i giorni.

Ma cambiare non significa buttare tutto a mare.

Ci sono sempre i “fondamentali” come nel calcio…. Cioè quegli esercizi che affinano le capacità di base che ogni calciatore deve avere e padroneggiare per essere un bravo professionista.

Così, marketer, commerciale o imprenditore che tu sia, eccoti un piccolo refresh su:

  • Una semplice definizione di marketing
  • Lo scopo del marketing

Definizione di Marketing:

Marketing: processo che, a partire da una serie di obiettivi aziendali di medio-lungo termine e attraverso una fase preliminare di diagnosi della domanda e della concorrenza, arriva ad individuare i bisogni e le esigenze degli attuali e dei potenziali clienti e a stabilire le azioni più opportune per soddisfarli, con reciproco vantaggio per i clienti e per l’impresa.  Fonte: glossariodelmarketing.it

Vorrei che mettessi l’attenzione su attraverso una fase preliminare di diagnosi della domanda e della concorrenza

E su “… con reciproco vantaggio

 Nella prima frase trovi l’errore più comune che può fare un imprenditore.

NON investire in analisi, ricerche e valutazioni. Eppure, sono insite e all’inizio della definizione di Marketing stesso.

Assurdo ma vero, spesso devo combattere perché si investa in queste azioni fondamentali.

La seconda frase, come filosofia personale, va a braccetto con la definizione di marketing etico.

Ma lo scopo del marketing? Anche il marketing non si fa mai fine a sé stesso:

Scopo del marketing:

Il marketing si occupa di scovare cosa il mercato richiede, oppure di far nascere un desiderio nel mercato e quindi vendere ciò che soddisfa la domanda.”

Semplice, scontato, ma micidiale nel suo utilizzo.

Quindi, se vuoi fare marketing, se assumi qualcuno per il tuo marketing, se vuoi anticipare i tempi ed essere sempre sulla cresta dell’onda come azienda, ti invito a non dimenticare i fondamentali.

Dobbiamo conoscere il significato dei termini che utilizziamo e spero che questo veloce recap ti sia stato utile.

Alla prossima.

Mauro


Mauro Apperti

M. 329 0428 990

E. [email protected]

Compila il modulo sottostante, prenderemo in carico la tua richiesta e ti ricontatteremo il prima possibile!

    Confermo di aver letto e accettato la privacy policy*

    Il concetto di azienda etica… questa è la mia visione.

     

    Buongiorno, che piacere rivederti su questa pagina!

    In questo mercoledì “quasi natalizio”, il mio pensiero va sempre nella direzione di come poter migliorare la mia professionalità, la nostra azienda e di conseguenza aiutare in modo ancora più efficace i nostri clienti.

    Aiutare è uguale a pericolo?

    Le parole di per sé non hanno altro significato che quello che gli assegniamo.

    Quando ero uno studente, “spazzino” o “bidello” non erano termini offensivi.

    Sono diventati invece termini con un significato lievemente spregiativo, esclusivamente perché qualcuno gli ha assegnato quel valore in modo arbitrario, e tutte le altre persone, sono state d’accordo su questo.

    Non è successo altro. E così’ è per tutti quei termini che in questi anni hanno assunto un significato volgare, offensivo o discriminante.

    Se non ci credi fai un test: pronuncia un’offesa con l’idea di fare un complimento. Forse non ti riuscirà subito semplice. Ma se insisti e ci riesci, toccherai con mano che le parole hanno solo il significato emotivo che affibbiamo loro.

    Le parole non sono importanti quanto le azioni. Se vuoi capire il giusto valore di una persona, di un’azienda o di un governo, tappati le orecchie e osserva le sue azioni. Solo questo ti dirà con chi hai a che fare.

    Ora, dopo tutto questo preambolo, torniamo all’aiuto.

    Molte volte quando qualcuno offre “aiuto” siamo sospettosi, giusto?

    Magari pensiamo ci sia un secondo fine, ed alle volte è vero, e molte volte nel passato magari lo è stato.

    Ma come abbiamo visto, dobbiamo andare oltre al significato emotivo del termine.

    Se hai problemi ad accettare l’aiuto, sicuramente quando qualcuno ti dice “posso aiutarti” oppure “quello che voglio è solo il tuo bene” allora sentirai una risposta emotiva istantanea di diffidenza, come fosse un segnale di pericolo!

    Eppure, ogni business si basa su questo concetto, il concetto dell’aiuto, di quanto siamo utili ai nostri clienti ed alla società.

    Lo so, di solito parlo di marketing e qui sto parlando di filosofia.

    Ma penso che il dovere di ogni azienda, e in verità di ogni lavoratore, dirigente, impiegato o imprenditore, sia quello di svolgere al meglio il proprio compito con l’obiettivo di un miglioramento, non solo per sé stesso o la propria azienda, ma per tutta la società.

    Certo, perché un mercante di armi è utile ai suoi clienti, ma qual è l’utilità dei suoi clienti per la società?

    La sola logica del profitto non basta, è pericolosa. Basti pensare a quanto know how è stato passato praticamente gratuitamente, alle aziende cinesi in nome di un profitto personale.

    Nel lungo termine si è rivelato un boomerang per la nostra economia.

    Una visione più ampia è necessaria.

    Le scelte vanno valutate per tutte le aree che ne sono influenzate, solo così potremo essere certi di prendere decisioni più giuste che sbagliate (gli assoluti non esistono).

    E il primo fondamento per un’azienda, che ne determina il suo successo ed espansione è: quanto di aiuto può essere?

    L’attività principale del marketing è quella di scovare una domanda e soddisfarla, oppure creare una domanda e soddisfarla.

    domanda = necessità oppure domanda = desiderio

    Quindi il marketing è fondamentale per ogni attività, e non fa altro che aiutare le attività ad aiutare.

    Ma chi determina il significato delle parole, chi decide il senso e la portata delle proprie azioni e responsabilità sei sempre tu!

    Chi scrive  -io – è tutt’altro che perfetto, ma il mio scopo è semplicemente quello di aiutare le aziende a crescere e migliorare il proprio business.

    Questa è la mia visione di business etico, quella fondamentale.

    E tu, hai una tua visione? Cosa ne pensi?

    Scrivimi, mi farebbe piacere.


    Mauro Apperti

    M. 329 0428 990

    E. [email protected]

    Compila il modulo sottostante, prenderemo in carico la tua richiesta e ti ricontatteremo il prima possibile!

      Confermo di aver letto e accettato la privacy policy*

      Il metaverso: prospettive.

      Come descritto nel precedente articolo il Metaverso è stato concepito nell’ambito della fantascienza.

      I casi più famosi sono film come Matrix (1999 Matrix – Film (1999) – MYmovies.it ) , o Ready Player One (2018 Ready Player One – Film (2018) – MYmovies.it ) Universi che chiamo virtuali solo per distinguerli da quello in cui viviamo normalmente.

      Di fatto sarebbe più giusto definirlo come un nuovo universo, che nel suo pieno sviluppo avrà le stesse caratteristiche di quello in cui viviamo, con la differenza che potrai modulare e modificare le tue esperienze, e il tuo corpo-Metaverso e la tua vita-Metaverso, con una velocità ed effetti impossibili nel nostro universo attuale.

      L’esperienza sarebbe più simile alla magia: decido, voglio, ottengo! Snap!

      Uno schiocco di dita e cambio aspetto, abiti, pelle, sesso, identità, scenario, ecc. Senza i limiti imposti ad un corpo e ad un’esperienza di vita “fisica” come quella a cui siamo abituati.

      Potresti volare, tuffarti da una rupe e atterrare sulle tue gambe senza problemi (se così hai deciso che fosse). Potresti essere a Roma e l’istante dopo a Miami.

      Di fatto i fattori tempo e spazio assumeranno connotati diversi. Puoi creare tu tesso nuovi spazi e modellare il tempo a tuo piacimento.

      Ma un aspetto importante che devi considerare è che in questo universo non operi da solo… ci sono altri esseri, come te.

      E come ogni interazione questo porta a regole condivise (quando atterro da una rupe mi sfracello o rimango sano e salvo?) e a delle variabili sconosciute nello svolgersi della “vicenda”.

      In effetti è come la vita di tutti i giorni ma con ritmi di cambiamento e variabili impossibili in questo universo, con un corpo fisico.

      Se tu ora fossi in grado di controllare ogni minimo aspetto della tua vita, sarebbe un’esistenza senza imprevisti, senza nulla che già non sai, insomma un po’ noioso.

      L’interazione con altri inserisce imprevedibilità, sfida, concorrenza, cameratismo, nuovi obiettivi. Tutte cose desiderabili e potenzialmente divertenti.

      In realtà non è proprio semplice descrivere questo Meta-verso (Meta dal greco oltre – verso da universo, quindi l’universo oltre.

      Un nuovo universo, oltre quello in cui viviamo.

      Come dice Matthew Ball, esperto in marketing, investimento e Metaverso.

      Proprio come era difficile immaginare nel 1982 come sarebbe stato l’Internet del 2021 – e ancora più difficile spiegarlo a coloro che non avevano mai nemmeno “effettuato” l’accesso, descrivere il Metaverso può essere riduttivo e incompleto, ma ecco le caratteristiche principali che potrebbe avere in futuro:

      1. Connessione e ingresso, tramite tecnologia digitale, al Metaverso
      2. Persistente – vale a dire, non “si ripristina” mai o “mette in pausa” o “finisce”, continua indefinitamente
      3. Sincronizzato e dal vivo – anche se ci potranno essere eventi programmati e generati autonomamente, proprio come nella vita reale, il Metaverso sarà un’esperienza che esiste costantemente per tutti e in tempo reale
      4. Nessun limite di partecipanti in contemporanea: tutti possono far parte del Metaverso e partecipare a un evento / luogo / attività specifici, allo stesso tempo.
      5. Un’economia pienamente funzionante: gli individui e le imprese saranno in grado di creare, possedere, investire, vendere ed essere ricompensati per una gamma incredibilmente ampia di “lavoro” che produce “valore” riconosciuto dagli altri e scambiato
      6. Essere un’esperienza che abbraccia sia il mondo digitale che quello fisico, le reti / esperienze private e pubbliche e le piattaforme aperte e chiuse
      7. Un interscambio di funzionalità senza precedenti: dati, oggetti, risorse digitali, contenuti e così via. Potrai creare un’oggetto, un abito, un look e regalarlo o venderlo a un tuo amico che lo utilizzerà in un gioco oppure per personalizzare il look della sua azienda sul Metaverso. Il limite è la tua immaginazione.
      8. Un luogo dove “contenuti” ed “esperienze” vengono creati e gestiti da singoli individui, oppure gruppi organizzati in modo informale o ancora imprese commerciali e di business.

      Insomma, un nuovo mondo, oltre il nostro, oltre il web. Un nuovo Far West da creare, colonizzare e modellare.

      Certo ancora non esiste una piattaforma così gigantesca da garantire l’accesso a centinaia di milioni di persone in contemporanea, che creano un nuovo universo in tempo reale.

      Molto probabilmente ci saranno svariate piattaforme che offriranno questa possibilità, e forse un giorno si uniranno.

      In ogni caso, anche se siamo allo stato embrionale di questa rivoluzione di vita, come ogni nuova frontiera ci saranno nuove sfide e opportunità.

      Secondo me le opportunità non saranno immediatamente evidenti per ogni attività, si inizierà con un mercato diretto al consumatore finale per poi arrivare al mondo B2B, così come è accaduto per il marketing. Oggi nessuno ne fa a meno. Ma credo che i tempi saranno più rapidi.

      Quindi vi consiglio di approfondire la conoscenza di questo nuovo mondo, perché riserva delle opportunità.

      Infine, rimane l’aspetto personale.

      Ogni tecnologia ha il lato buono e quello malvagio. La differenza la fa lo scopo per cui viene utilizzata.

      Un nuovo mondo, un mondo che non può esistere nel tuo cervello perché troppo vasto, sarà in realtà una connessione di menti in cui sarà ancora più facile poter soggiogare, influenzare nascostamente, far passare messaggi falsi e imbrogliare volutamente queste menti.

      Il rimedio? Se lo conoscessi appieno sarei eccezionale, cosa che non sono.

      Personalmente sono convinto che conoscere ogni aspetto di una tecnologia che utilizzi, immaginare gli effetti a lungo termine delle tue azioni e decisioni, cercando di concepire non solo il proprio vantaggio ma il anche quello della maggioranza coinvolta, degli altri potrà essere un buon punto di partenza per rimanere liberi e determinare le proprie azioni.

      Perché, come dissero Tozzi e Raf “Gli Altri Siamo Noi”.

      Nel frattempo, se avessi piacere di ricevere chiarimenti o se hai domande e commenti, contattami.

      Mauro

      Il metaverso e le nuove frontiere del marketing

      Il Metaverso e l'avatar

      Metaverso. È l’ennesimo nuovo concetto marketing che possiamo tralasciare o ci riguarda?

      Ci riguarda da molto vicino. Ti consiglio di proseguire nella lettura.

       

      Il termine Metaverso non è un’invenzione di Zuckerberg, inoltre è già stato utilizzato in ambito business prima del 2021.

      Ma proseguiamo con ordine:

       

      DEFINIZIONE DI METAVERSO:

      metavèrso s. m. – Termine coniato da Neal Stephenson nel romanzo cyberpunk “Snow crash” (1992) per indicare uno spazio tridimensionale all’interno del quale persone fisiche possono muoversi, condividere e interagire attraverso avatar personalizzati.


      Fonte: Treccani

      DEFINIZIONE DI AVATAR:

      Nella religione Induista un avatar è l’incarnazione di una divinità (Visnù). In un ambiente tridimensionale o virtuale, l’avatar non è che la rappresentazione digitale di chi sta visitando l’ambiente.

      Fonte: www.ehiweb.it

       

      Come vedi, dalla definizione di Metaverso, si tratta di un universo ulteriore rispetto a quello in cui viviamo normalmente: un universo virtuale.

      Esiste da tempo la realtà virtuale, accessibile con quelle specie di maschere da sub, che ti permette di avere un’esperienza realmente immersiva a livello visivo e di posizione nello spazio. (se non avete mai provato, lo consiglio. E’ interessante e affascinante)

      Gli avatar esistono da tempo. Solo per fare un esempio legato ai videogiochi: cos’altro è un personaggio che tu comandi tramite computer e console di gioco, se non un avatar? Sei tu che lo guidi e lo fai agire.

      Ma perché tutto questo ha così grande rilevanza nel mondo del business e del marketing?

      In realtà ha a che fare anche con la tua sfera personale e privata. Arriverà a toccare ogni aspetto della vita, ma di questo ne parleremo successivamente.

      Un universo virtuale parallelo offre possibilità di business che il mondo reale non può assicurarti.

      Molto prima di Zuckerberg, lo avevano compreso i fondatori di “Second Life”

      Lanciato nel 2003, Second Life, è stato un pioniere nella creazione di mondi virtuali 3D.

      Oggi, le tre dimensioni di Second Life possono fare qualcosa in più di una semplice video chiamata o virtual tour: creare aggregazione, realizzare progetti più complessi, interattivi e forse ancora più interessanti.

      Vedi questo link >> CASE STUDIES | Second Life Work – Virtual World Meetings, Events & Conferences

      Il metaverso di Facebook vuole diventare questo: un universo a cui accedere e ottenere un mondo di applicazioni inizialmente gratuite, che ti permettono di interagire in modo più accattivante e incuriosente (mio neologismo) rispetto ad una call o video call.

      Immagina come potresti utilizzarlo.

      Immagina di essere in smart working e di non essere presentabile o di non avere voglia di aprire la video camera… basta usare l’avatar e il problema è risolto.

      Potrai avere un avatar che ti fa visitare un appartamento da acquistare a decine di chilometri di distanza, senza che tu o il venditore dobbiate muovervi.

      Potrai avere un conto corrente nell’universo parallelo (con la moneta virtuale del Metaverso. Esiste già su Second Life.) con cui acquistare prodotti e servizi che poi consumerai da casa, o in ufficio.

      Non avrei più solo un’immagine di un prodotto da acquistare, o un video con il suo funzionamento, ma potrai visionarlo, provarlo, vedere come funziona scegliendo tu, con il tuo avatar come e cosa sperimentare.

      Quindi in realtà sarà un enorme marketplace (piazza del mercato) dove scegliere, provare in modo immersivo, acquistare merci e servizi, da ogni parte del mondo senza necessità di muoverti, o in ogni caso potendo ottenere un’esperienza diretta prima dell’acquisto, tutto impensabile fino ad oggi.

      Siamo all’alba di grandi cambiamenti per il marketing e per le nostre vite. E vista la velocità con cui la società e le abitudini si stanno evolvendo, ce ne accorgeremo molto presto.

      Ora questo è il presente che conosciamo, ma voglio condividere una mia riflessione di circa 15 anni fa.

      Gli albori degli e-commerce in Italia. Grande diffidenza. Personalmente amo ancora acquistare abiti in negozio.

      Ho pensato “come dovrebbe essere perché io acquistassi tutto on line?

      Fra parentesi l’online non è altro che un universo virtuale che usiamo tutti i giorni…

      Beh, dovrei poter sperimentare ogni percezione così come mi succede normalmente, non solo la vista, e il sonoro (le due percezioni che possono essere riprodotte da una foto, un video o una canzone.

      Ogni percezione può essere collegata alle emozioni. Una canzone può creare emozioni, così come una foto o un video, una carezza o un profumo.

      Quando la realtà virtuale potrà assicurarti anche il senso del tatto, dell’olfatto, del gusto, della profondità (solo per citare i principali) allora avrai un’esperienza immersiva totale.

      Immagina di poter proporre i tuoi prodotti in questo modo, con questi effetti, virtualmente.

      Provare l’esperienza virtuale di stringere la mano al tuo cliente, di sfogliare un’offerta o di avviare un macchinario e toccarne il risultato… tutto a distanza, virtualmente.

      Fantastico vero?

      Ma come potrebbe realizzarsi tutto questo? Tecnologicamente come funzionerebbe?

      Influenzerebbe le nostre emozioni? Il marketing lo fa da decenni, ma fino a che punto arriveremo? C’è un prezzo da pagare?

      Nel prossimo articolo dirò la mia.


      Nel frattempo, se avessi piacere di ricevere chiarimenti o se hai domande e commenti, scrivimi: [email protected]

      Mauro

      Alla prima impressione segue la seconda e la terza e…

       

      La prima impressione e poi la seconda e infine la terza.

       

      Il marketing abbraccia moltissime aree e attività vitali per OGNI azienda – sottolineo ogni – .

      Oggi questo è molto chiaro ed evidente, ma in realtà è sempre stato così anche nel passato. Solo che il marketing non era un corpo di conoscenze organizzato come è attualmente, ma una serie di pratiche che abili commercianti imparavano sulla loro pelle e attuavano per far rendere i loro affari.

      Le 4P – prodotto, prezzo, luogo di vendita, promozione – non sono un’invenzione del XX secolo. Credete che un abile mercante egiziano del 1.000 A.C. non proponesse sconti ai suoi clienti? Oppure che non facesse leva sulla qualità del suo grano coltivato nel nord del Sudan, rispetto a quello che arrivava dalla Siria?

      È così. Il marketing è sempre esistito.

      Ha sfruttato i diversi canali disponibili nei rispettivi periodi storici, un marketing sicuramente meno esasperato rispetto alla nostra era, ma ha sempre funto da lubrificante per il business e quindi per la vita sociale.

      Ma prima del marketing vero e proprio, ci sono altri aspetti che ci permettono di presentarci al meglio sul mercato e acquisire clienti.

      Uno di questi, e probabilmente il più antico, sono le buone maniere.

      Con buone maniere intendo il rispetto delle abitudini e consuetudini di un determinato ambiente, regione, nazione o razza.

      Ogni gruppo ha delle regole di comportamento considerate accettabile e altre che vengono invece rifiutate e osteggiate.

      È importante conoscerle. Personalmente mi hanno aperto le porte ai primi clienti acquisiti, e tutt’ora sono un valido contributo al successo delle mie attività.

      Lo spunto di questo articolo, che mi auguro possa darvi qualche suggerimento, mi viene da un’esperienza personale di questi giorni.

      Sto valutando una nuova auto e sabato scorso ho contattato tre concessionarie per capire se fossero aperte e se fosse possibile un appuntamento.

      Tre concessionarie, tre risposte identiche – siamo aperti ma non c’è posto per appuntamenti – tre approcci completamente differenti.

      Quali siano i marchi coinvolti non ha nessuna importanza, l’accento è sulla formazione che la persona ha ricevuto per essere “il frontman” nel reparto vendite, e l‘effetto che questo crea in un potenziale cliente.

      Prima telefonata: “buongiorno, volevo sapere se oggi pomeriggio siete aperti” dall’altra parte risponde un commerciale stanco, dal suo tono si capiva benissimo come fosse stufo – erano quasi le 12.00 – e la mia chiamata in realtà lo disturbasse, in quel momento. Poi si è sforzato ed ha risposto cortesemente alle mie domande.

      Seconda chiamata, stessa domanda iniziale. Risponde una ragazza, giovane, di buona volontà ma che non era in grado di dirmi se c’era spazio per un appuntamento nel pomeriggio e che non poteva fissarmi un appuntamento ma voleva farmi richiamare da un commerciale per questo. Gentile, ma un po’ confusionaria e a quel punto inutile.

      Terza telefonata, sempre la stessa domanda.

      Risponde una ragazza veramente interessata a ME. Gentile, mi informa che purtroppo non c’è posto per appuntamenti in quanto il sabato è molto richiesto, ma mi invita ugualmente a visitare l’autosalone, visionare le auto e… posso passare quando voglio.

      Mi ha veramente impressionato in senso positivo. Cortese, INTERESSATA, preparata ed informata.

      Nel pomeriggio ho visitato tutte e tre le concessionarie, e la terza ha confermato la prima impressione. Chi mi aveva risposto al telefono era alla reception e la sua professionalità e soprattutto cordialità erano identiche.

      Conclusione

      Non ho acquistato nessuna auto, ma fra le tre concessionarie visitate quella che ha creato in me un impatto positivo, quella che ho posizionato – nella mia mente – come un’azienda che mostra competenza, serietà e verso cui mi sento portato a tornare e valutare l’acquisto, è sicuramente la terza.

      Certo, da qui all’acquisto la strada è lunga. Quale auto, quale versione, ecc. ecc.

      Ma la prima e la seconda impressione sono state determinanti nel creare in me – potenziale cliente – una propensione verso una specifica azienda.

      Tornereste in un negozio dove il commesso/a non ha feeling con voi? Difficile.

      L’approccio ad un’azienda o ad un privato è il medesimo. Hai sempre una prima, seconda e terza impressione da poterti giocare per acquisire il cliente.

      Certo non devi fallirne nessuna, ma specialmente la prima e la seconda.

      Ora tutto questo cosa c’entra con il marketing?

      Beh, oggi come oggi non sappiamo COME un potenziale cliente avrà il primo approccio con noi, molti canali possibili di comunicazione:

      • Fiere
      • Sito web
      • Social
      • Catalogo
      • Video
      • Agente
      • Passaparola
      • Centralinista
      • Tecnico
      • ecc. 

      Quindi diventa essenziale preparare al meglio OGNI punto di comunicazione esterna di cui disponiamo (vedi elenco precedente) in modo che ci rappresentino esattamente come vogliamo essere percepiti dal mercato e che siano coordinati fra loro, così da creare un’immagine di brand forte e coerente.

      Un’altra buona soluzione.

      Essere propositivi nel marketing. Cioè creare iniziative e occasioni di contatto con i clienti, non in modo casuale, ma facendo in modo che incappino nella nostra azienda in modo studiato a tavolino, che ricevano le informazioni che noi abbiamo preparato e vogliamo che conoscano, dove non abbiamo difetti di presentazione, così da creare immediatamente una prima e seconda impressione forte, prima che poi sia il commerciale a creare la terza e – si spera – impressione decisiva.

      La pianificazione della creazione di un Brand è sempre il primo step per il successo.

      Se hai qualsiasi dubbio, o desideri un chiarimento, sono sempre a disposizione.

      Fammi sapere.

      Mauro