A DUE MESI DALLA RIPARTENZA, COSA E’ CAMBIATO PER LE PMI COME LA TUA E PER IL MARKETING?

4 maggio 2020.

Data ufficiale per l’inizio della fase due in Italia e la riapertura di praticamente tutte le attività produttive, tranne buona parte delle attività commerciali aperte al pubblico.

È stata una ripartenza vera, non come quando riapri dalle ferie di agosto. A oltre due mesi da quella data come vanno le cose per le nostre aziende?

Un mercato “a macchia di leopardo”

Come agenzia lavoriamo in diversi settori, per cui l’impressione che abbiamo ricavato è trasversale. Certo non è un sondaggio Istat, ma sono comunque dati raccolti sul campo.

La situazione vede aziende a tre velocità:

  1. Aziende ferme, o che cominciano adesso a vedere i primi segnali di risveglio commerciale e produttivo.
  2. Aziende che hanno ripreso il solito tran-tran e la vera perdita è stata relativa ai mesi di mancate vendite
  3. Aziende che viaggiano a mille, a pieno ritmo e si avviano a recuperare il gap dovuto al lock down.

Perché?

Personalmente ho alcune risposte:

  1. Le aziende che lavoravano prevalentemente con l’estero ne soffrono maggiormente, per ovvi motivi legati alla situazione europea e
  2. Le ditte che non hanno cambiato o non stanno innovando il loro modello di business ne soffrono in parte ma ne soffriranno di più in
  3. Alle volte il problema non è dovuto al Covid ma partiva da lontano.

Ho notato però delle eccezioni: non tutte le aziende che lavorano con l’estero sono ferme o al passo. Ci son aziende in settori identici che mostrano segnali diametralmente opposti.

Perché?

Questione di soluzioni e di attitudine.

Chi non ha avuto problemi dal Lock Down, fra queste aziende, stava già lavorando da tempo in modo da non essere legato a pochi mercati e pochi clienti principali, per cui non ne ha risentito.

Altre aziende avevano messo in pista da tempo delle attività commerciali e marketing ripetitive ed efficaci, che gli hanno permesso di superare di slancio il buco della chiusura e sono immediatamente ripartite alla grande.

Conclusione

Mai come oggi tre parole d’ordine:

  • Innovare la propria attività. Se serve dal punto di vista produttivo ma sicuramente farlo per quanto riguarda il modello commerciale e le attività
  • Spingere le attività commerciali con forza. Buttarsi sul mercato, uscire dall’azienda, farsi notare e conoscere. Non è più tempo di aspettare seduti in ufficio.
  • Attivare il marketing più adatto al proprio mercato. E continuare a mantenerlo vivo e

Questi tre punti devono essere attivati il più velocemente possibile e organizzati, così da diventare una routine, un’abitudine.

È utile che per abitudine ridiscuti e verifichi se il tuo modello di business è funzionale (oggi nulla è per sempre).

È indispensabile che tu crei occasioni di contatto commerciali e che le mantieni attive, anche se per la tua attività ti bastano pochi clienti.

Far ripartire un volano fermo è molto più faticoso che non accelerare qualcosa che è già in movimento.

Infine, il marketing, in tutte le sue forme. Ormai non si può farne a meno.

Dovresti inserirlo nei tuoi costi fissi, con un budget adeguato alle tue ambizioni e tenerne conto nel prezzo di vendita i servizi e prodotti.

Mi auguro di esserti stato utile.

Per informazioni commenti o discussioni sono a disposizione.


Mauro Apperti

M. 329 0428 990
E. mauro@studiosolutions.it

Compila il modulo sottostante e ti ricontatteremo appena possibile!

    Confermo di aver letto e accettato la privacy policy*

    Google My Business La tua primaria risorsa per presentarti e fare business!

    GOOGLE MY BUSINESS

    Quando ci si presenta ad un nuovo cliente o fornitore è usuale e doveroso lasciare un ns. biglietto da visita, questo per una duplice utilità, la prima per condividere i propri dati di contatto, la seconda per dare una prima buona impressione (basata sulla percezione di grafica e dati riportati).

    Successivamente, nel caso ci si presenti ad un nuovo cliente, solitamente si fornisce anche una brochure informativa per dettagliare i prodotti/servizi che possiamo offrire (oltre a brevi informazioni sulla ns. azienda e sul motivo per cui ci si differenzia ed altre informazioni utili a scopo commerciale).

    Ebbene, considerando che oggi la modalità con cui i clienti e tutte le persone che cercano informazioni su di te, le reperiscono da Google ancora prima di conoscerti personalmente, qual’è secondo te la prima cosa che guardano?

    La risposta è la scheda Google My Business!

    Questo strumento, che molti sottovalutano, è diventato assolutamente indispensabile e primario, in quanto è il tuo biglietto da visita (ed insieme la tua brochure) che ti permette di fare una prima buona impressione, sia verso l’utente che ti sta cercando direttamente, sia verso gli utenti che stanno cercando veloci informazioni su attività come la tua!

    Google My Business è diventato un punto di riferimento digitale per qualsiasi attività, fungendo da collante tra il mondo online e offline.

    Non essere presenti su Google con tale strumento, o non gestirlo a dovere per scalare posizioni rispetto ai competitor, equivale ad essere invisibili nel tuo mercato, od a soccombere nei confronti dei tuoi competitor!

    Ma cos’è Google My Business?

    Google My Business è uno strumento gratuito e facile da usare che permette ad attività e aziende di gestire la propria presenza online su Google, compresi Ricerca e Maps.

    Le aziende già presenti su Google Maps, possono rivendicare la proprietà della scheda facilmente, seguendo alcuni semplici passaggi. Le aziende NON ancora presenti su Google Maps, possono crearsi direttamente un account Google My Business, per inserire in un’unica volta, in un unico punto, tutte le informazioni pertinenti ed interessanti legati alla propria attività.

    Google My Business ti permette poi di aggiornare la tua scheda informativa, che poi apparirà direttamente nelle pagine dei risultati di ricerca e su Google Maps.

    Cosa puoi inserire in questa scheda gratuita? Le caratteristiche di base prevedono:

    • la descrizione della tua attività
    • gli orari della tua attività
    • dove si trova
    • fotografie (sia caricate da te in quanto gestore, sia caricate dagli utenti/clienti),
    • le recensioni inserite dagli utenti sulla tua attività,
    • le domande & risposte che gli utenti si scambiano sulla tua attività, come su un forum
    • unarea news dove predisporre offerte, inserire eventi o contenuti scritti dove raccontare le novità (tipo un blog)

    Tutte informazioni che forse gestisci già in un sito web. Giusto? Continua a leggere e capirai perché sono importanti anche qui…

    I vantaggi di Google My Business

    Partendo da quanto appena descritto, Google My Business presenta numerosi benefici. Eccoli nel dettaglio:

    • È gratis. Google mette a disposizione uno strumento semplice, intuitivo e rapido a tutti coloro che portino avanti un’attività e che desiderino essere trovati. E lo fa senza chiedere soldi.
    • Brand Awareness. Indicare a Google l’esistenza della tua attività permette una maggiore presenza sul web: chiunque ricerchi il tuo nome potrà fruire di una scheda dedicata dove saranno presenti varie informazioni, compreso il logo e le indicazioni sulla mappa.
    • Local SEO. Avere una scheda Google My Business aiuta enormemente a posizionare la propria attività a livello organico locale.
    • Il Mobile ringrazia. Per quanto incredibile possa sembrare, sono ancora tanti i siti web che non sono ottimizzati per i dispositivi portatili (leggi questo articolo). La Scheda Google My Business aiuta ad essere trovati anche nelle ricerche da smartphone o tablet.
    • All-in-One. Attraverso Google My Business è possibile spiegare all’utente tutte le informazioni basilari sulla tua attività: dove ti trovi, quali sono i tuoi contatti, in quali orari sei aperto e quali sono le opinioni dei tuoi clienti.
    • Più sedi, unica gestione. Nel caso di società strutturate con più sedi sparse sul territorio, Google My Business permette la gestione unificata attraverso un unico indirizzo. Si tratta di una funzionalità semplice e pratica che risolve tanti problemi gestionali.

    Statistiche per tutto. Attraverso il profilo di Google My Business è possibile visionare e calcolare tantissime metriche: dalle visualizzazioni ai click, dalle chiamate alle richieste di indicazioni. In questo modo è possibile mantenere tutto sotto controllo.

    La continua evoluzione di Google My Business

    All’elenco di vantaggi, sempre validi, si sono aggiunti via via nel tempo una serie di nuovi strumenti, che rendono sempre più utile (se non vitale) la presenza della propria attività all’interno del circuito Google My Business.

    Tra questi, la possibilità di pubblicare video, oltre alle già presenti fotografie. Se è vero che un’immagine vale più di mille parole, un video riesce a comunicare certamente meglio di unimmagine statica.

    Post, ovvero piccoli contenuti composti da foto/video e testo, che rimangono visibili per 7 giorni e che compaiono in corrispondenza del box di informazioni su Google e Google Maps, quando viene visualizzata la nostra attività. Servono a mettere in risalto promozioni o iniziative che hanno una durata limitata e che necessitano di massima visibilità.

    E’ possibile inoltre inserire delle call to action (pulsanti specifici), per agevolare il visitatore nel compiere determinate azioni come: fissare un’appuntamento, chiedere un preventivo, prenotare, acquistare, ordinare, registrarsi, vedere l’offerta o avere maggiori informazioni (le tipologie variano in base al tipo di attività inserita).

    Oltre a questo tipo di inviti all’azione e possibile anche creare pulsanti evento, ovvero un’opzione che permette di creare un evento con data di inizio e fine, aumentando così la possibilità di copertura e promozione in caso d’eventi aperti al pubblico.

    Infine troviamo i messaggi, recentemente introdotti, che servono ad accorciare di molto la distanza (e il tempo) tra chi cerca un’attività come la nostra e noi. I messaggi funzionano proprio come una chat. L’utente che visualizza la scheda Google My business, ha dunque una serie di modi per entrare in contatto con l’azienda:

    • fisicamente, ricevendo le indicazioni stradali per raggiungere l’attività grazie a Google Maps;
    • visitando il sito web(che deve essere scattante e facilmente leggibile, soprattutto da mobile!!);
    • facendo una telefonata, semplicemente cliccando sul bottone “Chiama“;
    • oppure, appunto, inviando un messaggio diretto, attraverso la funzionalità “messaggio” (funzione che deve essere attivata esplicitamente)

    Google My Business in conclusione

    Considerata la visibilità che ricevono le schede aziendali attraverso il motore di ricerca Google e Google Maps, e tenuto conto che Google My Business non prevede un costo d’abbonamento, non sfruttare questo servizio significherebbe perdere molto in termini di visibilità e opportunità di business.

    All’interno della scheda è possibile ottimizzare contenuti e informazioni anche per ricavarsi un vantaggio SEO a livello locale. Cosa molto utile per le ricerche che avvengono in determinate zone, per attività che non menzionano direttamente il nome della nostra azienda.

    In conclusione, Google My Business, per volume di visualizzazione di dati e informazioni e per l’uso che facciamo tutti, quotidianamente, di Google Maps e del motore di ricerca, rappresenta uno strumento che apporta dei vantaggi superlativi per la crescita del tuo business.

    Che tu sia un’attività locale o che sia un PMI, su una cosa puoi stare certo, nella tua strategia di marketing, non puoi fare a meno di uno strumento fondamentale: Google My Business!

    • Mirco Gobbi per Solutions

    Vuoi sapere come sfruttare al meglio la scheda Google My Business per promuovere la tua attività?
    Inserisci il tuo nome e la tua migliore e-mail,  e scarica il nostro ebook Gratuito
    “La Guida completa di Google My Business”

      Confermo di aver letto e accettato la privacy policy*

      5 consigli per un content marketing di qualità

      content marketing“Content is the King”. Lo affermava Bill Gates nel 1996 nel suo saggio sull’importanza della qualità dei contenuti online aziendali, uscito sul sito della Microsoft a soli 5 anni dalla pubblicazione on-line della prima pagina web per opera dell’informatico Tim Berners-Lee.

      E lo affermiamo anche noi ancora oggi, consapevoli dell’importanza sempre più grande che il web riveste agli occhi delle aziende e, naturalmente, del marketing, che sulle strategie comunicative online sta puntando sempre più la sua forza e la sua identità, perché fare marketing, oggi, significa prima di tutto avere e veicolare contenuti di qualità utili e concreti, in grado di accrescere la brand awareness, cioè la notorietà di marca, anche, e soprattutto, sul web.

      Ma come creare contenuti online di qualità che sappiano attirare l’attenzione dei lettori e, soprattutto, fornire loro spunti e dati utili e interessanti?

      Fidelizzare i lettori sviluppando una buona reputazione online del brand non è difficile, a patto, però, di seguire alcuni semplici accorgimenti e focalizzarsi sulla conoscenza e sull’ascolto del proprio target di riferimento.

      Ecco quindi i nostri 5 consigli per creare contenuti di qualità per blog, social network e siti web aziendali.

      #1 CONOSCI I TUOI CLIENTI

      La prima cosa che devi chiederti prima di realizzare qualsiasi contenuto è: cosa stanno cercando i miei potenziali lettori e consumatori? Di che cosa hanno bisogno? Quali sono i loro interessi e che cosa si aspettano di trovare nel web?

      Rispondere a queste semplici domande è la base per poter creare un piano di content marketing efficace in grado di trasmettere ai tuoi potenziali clienti informazioni utili e aumentare quindi la reputazione del tuo brand.

      Centrare le aspettative del tuo target di riferimento e proporre contenuti personalizzati è infatti la prima regola per generare contenuti di qualità in grado di fidelizzare i clienti e trasformarli in promotori spontanei della tua azienda.

      #2 ASCOLTA IL TUO PUBBLICO

      Ascoltare i bisogni del tuo target di riferimento, ma non solo, è fondamentale per capire su quali temi puntare e, soprattutto, a quali problemi rispondere: un contenuto, specifico, concreto e utile genera più fidelizzazione di un contenuto generico e non cercato.

      #3 RACCONTA STORIE CONCRETE

      Fornisci informazioni utili sul tuo brand e sui tuoi prodotti coinvolgendo i lettori attraverso storie in cui possano immedesimarsi: raccontare un prodotto o un percorso aziendale facendo parlare le persone che l’hanno utilizzato o vissuto aumenta l’interesse e il coinvolgimento degli utenti.

      In questo senso, le tecniche di “brand storytelling” possono aiutarti a raccontare i tuoi prodotti in chiave narrativa, aumentando quindi il coinvolgimento del tuo pubblico.

      #4 FAI INTERAGIRE I TUOI LETTORI

      Creare un titolo e un’introduzione accattivante è la prima condizione necessaria per coinvolgere gli utenti nella lettura di un post, di una news o di un testo informativo. Ma creare un contenuto interessante nel suo complesso è il secondo presupposto per far appassionare i lettori e spronarli ad interagire con esso.

      Un contenuto di qualità, infatti, presuppone la possibilità di commentare o interagire con esso, con l’ottica di instaurare una relazione di fiducia tra brand e consumatore che possa arricchirsi anche dei suggerimenti e dei consigli degli utenti.

      #5 AGGIORNA COSTANTEMENTE IL TUO SITO WEB O I TUOI CANALI SOCIAL

      Sii agli occhi dei tuoi clienti una fonte affidabile nel settore. Aggiorna quindi costantemente i tuoi contenuti online proponendo approfondimenti anche di argomenti correlati al tuo core business: in questo modo darai l’immagine di un’azienda competente, affidabile e aggiornata.

      E allora, che aspetti? Coinvolgi e aumenta i tuoi clienti con contenuti online di qualità!

      Hai bisogno di un supporto e di una consulenza specifica per la produzione di contenuti testuali di qualità per il tuo sito web e i tuoi canali social? 

      Contattaci subito e richiedi maggiori informazioni sui nostri servizi di content marketing: info@studiosolutions.it – 0445 952086

      Un video per il futuro digitale

      IL FUTURO DIGITALE

      I canali digitali sono gli UNICI LIBERI DI MUOVERSI in questo periodo e sarà sempre più così.

       

      Questa situazione ha dato un’accelerazione all’espandersi delle attività digitali, dai siti web ai blog, dai webinar di ogni tipo alle conference call.

      Ma per molte aziende il sito web aziendale rimane il fulcro delle attività di digital marketing e promozionali.

      Guarda questo breve video e contattaci per pianificare il futuro della tua azienda e #ripartiredislancio!

      Mauro Apperti M. 329 0428990 – E. mauro@studiosolutions.it

      #Coronavirus, attività locali e ristoranti
      Cosa fare subito

      Questo articolo è parte di una serie di news che mira a dare alle attività e alle persone dei consigli pratici e utili per fronteggiare la situazione attuale.

      Come azienda, come professionista, puoi fare qualcosa.

      Articolo precedente: La prima cosa che devi fare in questa situazione

      MANTIENI E AUMENTA LA TUA COMUNICAZIONE CON L’ESTERNO

       

      Il turismo, i locali, i ristoranti i bar e varie altre attività di settore sono e saranno sicuramente tra le parti più colpite da questa situazione. Ovviamente il marketing e la comunicazione non possono, da sole, risolvere il problema.

      Ma possono quantomeno aumentare le possibilità di succeso e ripresa, di molto.

      La tentazione in questi casi sarebbe di restare fermi, o al massimo fare qualche lavoro che si è tanto rimandato (va benissimo). Specialmente se non si è mai fatta comunicazione con la proprià attività.

      In questo caso dovete fare l’esatto contrario. DOVETE AUMENTARE LA COMUNICAZIONE.

      COME ISTITUIRE O CREARE LA COMUNICAZIONE DEL TUO LOCALE, DEL TUO BAR O RISTORANTE

       

      GOOGLE MY BUSINESS (LA SCHEDA CHE VEDI “SU GOOGLE MAPS”)

      Magari sei già, in qualche modo, presente su Google Maps e sulla sua scheda. Ma probabilmente ricadi in una di queste due categorie:

      1. Non hai mai riscattato la scheda e quindi non l’hai mai aggiornata con i tuoi dati completi.
      2. Hai riscattato la scheda, l’hai aggiornata con i dati base e l’hai lasciata lì.

      Nel primo caso devi:

      • Riscattare la scheda
      • Inserire, nel modo più completo possibile, tutti i dati della tua attività
      • Rispondere, nei limiti del buon senso, a tutte le recensioni che possono esserti arrivate mentre “non guardavi”
      • Inserire tutti i prodotti/servizi della tua attività, con foto adeguata
      • Carica foto d’impatto, il più estetiche possibili, del tuo locale o attività

      Nel secondo caso:

      • Bravissimo ma… Ti sei dimenticato dei post!
      • Aggiorna costantemente la tua pagina Google My Business con offerte, informazioni, nuovi piatti etc.

      Non sei l’unico risultato quando si cerca “gelateria Viterbo/pizzeria Padova”

      Fai in modo di essere il più visibile possibile.

       

      FACEBOOK E INSTAGRAM

      In uno scenario ideale magari hai già una pagina facebook/instagram seguita e con diverse recensioni positive all’attivo. In questo caso devi fare solo una cosa: non fermarti!

      Continua a postare contenuti e immagini (ovviamente di buon senso e tarate sulle possibilità del momento).

      Se invece non hai una pagina, o ne hai una poco seguita dovrai impegnarti un po’ di più:

      • Crea e aggiorna la pagina con tutti i tuoi dati
      • Inserisci delle immagini accattivanti
      • Invita i tuoi amici, le persone che sai frequentare il locale e le persone che conosci a mettere un “mi piace” sulla pagina (sì, anche se ti sembra di dare fastidio).
      • Una volta fatto ciò inizia a postare contenuti utili/divertenti/informativi/estetici.
      • Studia facebook e impara a promuovere i contenuti più interessanti nella tua zona.

      Se hai domande o necessiti di un parere professionale sul marketing, contattaci subito per una conferenza skype completamente gratuita

       

        Confermo di aver letto e accettato la privacy policy*

        Condividi questo articolo a chiunque possa essere utile