posizionamento

È una Formula 1? No…è posizionamento!

 

Quest’immagine fa parte di una delle proposte creative realizzate per la campagna pubblicitaria internazionale di un nostro cliente che realizza e installa in tutto il mondo macchine speciali per la stampa.

Alla fine è stata scelta un’altra proposta, sempre molto intrigante ma che segue la strategia della curiosità per “catturare” quanta più attenzione e lettori possibili.

Osservando la proposta scartata mi sono reso conto che si trattava di un’ottima occasione per spiegare e introdurre semplicemente un concetto importantissimo: IL POSIZIONAMENTO!

Non è un concetto nuovo, anzi. Agli inizi degli anni ’70, Al Riese e Jack Trout (due geni del marketing) hanno pubblicato un opuscolo su questo argomento: parliamo di oltre 40 anni fa!

Eppure le PMI Venete in particolare, ma potremo dire anche le italiane, utilizzano solo occasionalmente questa importante e specifica tecnica marketing.

Quindi, che cos’è il posizionamento?

Ti rispondo con un esempio semplice, quasi banale: se tu fossi curioso e dovessi chiedere a un tuo amico informazioni in merito a una nuova attività commerciale che ha aperto in zona, chiederesti magari: “allora, che cosa trattano in quel posto, cosa fanno, cosa vendono?” e il tuo amico rispondesse: “Beh, vendono prodotti bellissimi, di alta tecnologia, sono organizzati come una specie di centro commerciale ma specializzato in tutto quello che è Hi Tech.”, in poche parole tu ora avresti chiaro il CONCETTO della nuova attività. Questo è marketing, questo è posizionamento.

Il posizionamento si occupa di far sì che un determinato prodotto o servizio occupi uno spazio ben preciso nella mente del potenziale cliente, e il tuo amico, usando il paragone di qualcosa a te conosciuto, ti ha spiegato immediatamente la nuova attività, “posizionandola” inoltre in modo preciso per fascia di qualità e prezzo. Fantastico dal punto di vista del marketing.

Oggi abbiamo troppi prodotti, troppe aziende che fanno “la stessa cosa, più o meno” per non avere la necessità di distinguerci e farci scegliere. Tutto questo passa attraverso la conquista di uno spazio nella mente già affollata degli acquirenti.

La tecnica del posizionamento richiede del lavoro preliminare: devi scoprire la posizione della tua azienda (o prodotto) nella mente del tuo target, valutare il mercato e la concorrenza da questo punto di vista, stabilire quale fetta di mercato (e di mente) vuoi occupare, e poi ideare una strategia vincente.

Inevitabilmente si passa poi attraverso il fatto di realizzare strumenti marketing e pubblicitari per farsi conoscere (brochure, campagne pubblicitarie, siti web, social ecc.).

Non importa quali canali sceglierai: se hai analizzato prima il tuo posizionamento costruirai un’immagine ad hoc ed efficace, in grado di comunicare velocemente con un vero impatto nei tuoi potenziali clienti.

Quindi tornando alla nostra “Formula1” che posizionamento sarebbe stato?

Se devi comunicare una nuova macchina ad un ambiente prettamente maschile e i punti forti da esprimere sono potenza e velocità, se sei un maschietto 90 su 100 pensi ad un’auto, e precisamente ad una Formula 1.

Ecco un’immagine che assieme ad un brevissimo testo (la gente legge poco) ti comunica il concetto e crea una posizione specifica del prodotto nella mente delle persone.

Nella prossima puntata del posizionamento prometto che ti passerò qualche informazione utile almeno per iniziare a ragionare con il posizionamento.

Non ti prometto strumenti facili e fai da te per il posizionamento perché la verità è che il marketing è un’attività specialistica e ti ci devi dedicare per ottenere risultati.

Ma se comprendi il vero valore di tecniche come il posizionamento, già questo aprirà la porta a nuove idee e soluzioni per fare espandere il tuo business.

Se hai domande, pareri o consigli, sarò felice di leggerti e risponderti. Scrivimi a: [email protected]

 

Alla prossima.

Mauro Apperti

Consulente marketing e comunicazione