Sorpresa! Il marketing tradizionale non è morto

È così.

Negli ultimi anni abbiamo visto nascere neologismi, affiancati come aggettivi

alla parola ”Marketing”, come ad esempio Digitale, 4.0, 2.0, ecc.

L’utilizzo è in contrapposizione con quello che era inteso marketing fino a quel momento, per cui lo si è differenziato nominandolo “marketing tradizionale” accentuando così l’idea che si trattasse di qualcosa di vecchio, desueto o sorpassato.

Da sempre questa definizione mi ha infastidito, forse perché non sono un millennial e quindi ho un retaggio diverso, non sono neanche un digitale nativo.

Ma per naturale evoluzione del mio lavoro e del mercato in generale ho digitalizzato, e continuo ad aggiornarle, le mie competenze ed esperienze.


Sono un consulente marketing, lavoro con piccole e medie imprese e ogni giorno mi confronto con diverse realtà e specifici mercati.


Nella mia modesta esperienza posso affermare che non esiste e non dovrebbe esistere una così netta distinzione.

Io credo che esista “il Marketing” come soggetto che ha lo scopo di piazzare qualcosa sul mercato e venderlo, e poi abbiamo una serie di attività che sfruttano leve di marketing ed emozionali, assieme a canali specifici dove veicolare le diverse attività promozionali o pubblicitarie.

Quindi abbiamo il marketing con tutte le sue specializzazioni:

direct marketing, marketing mix, marketing one to one, marketing del passaparola, guerrilla marketing, marketing fidelizzante, marketing del packaging, social marketing, email marketing, marketing sui motori di ricerca, ecc, ecc.


Esiste quindi il marketing trasversale o cross marketing, se preferite.


Questo prevede che in base agli obiettivi, alle risorse ai diversi target da raggiungere (che ora si chiamano Buyer Personas) si sviluppi la strategia migliore e più efficace senza tralasciare nessuna specializzazione del marketing e nessun media, almeno a priori.

Ecco che nella nostra agenzia ci troviamo con situazioni in cui alle campagne sponsorizzate sui canali social, aggiungiamo articoli publiredazionali sulla carta stampata, perché questo rafforza il brand che è il nostro obiettivo.

Alle campagne di e-mail marketing affianchiamo la preparazione e l’invio di uno strumento altamente estetico come una brochure importante, una presentazione in un cofanetto impreziosito da finiture di stampa e carta pregiata.


L’aspetto principale è centrare l’obiettivo con e per il cliente, non il mezzo che si utilizza.


Certamente per alcuni settori ci si può trovare ad utilizzare prevalentemente canali digitali, specialmente in attività che vendono direttamente al pubblico finale, come la grande distribuzione, ma anche li esiste una trasversalità.

Orami nella cassetta della posta trovi prevalentemente volantini e offerte di supermercati e negozi lovali, è un fatto. È trasversale.


Il Marketing come il Medico.


Con questo intendo dire che anche nell’ambito della medicina abbiamo “il Medico” e tutti i professionisti specializzati in diverse parti del corpo e patologie.

Senz’altro lo specialista dà più fiducia per lo specifico problema, ma io preferisco affidarmi ad uno specialista che ha una visione olistica e quindi di insieme, in grado di essere flessibile ed esplorare tutte le possibilità che ci sono per risolvere il mio problema, anche con soluzioni al di fuori della specializzazione.

La parte digitale del marketing si fa comunque preferire per le possibilità di tracciare i risultati, per la possibilità di raggiungere un numero di persone elevatissimo con costi contenuti, questo va detto.

Non voglio passare per il vecchio marketer nostalgico.

Ma così come Bill Gates nel 1996 disse “content is the king” riferendosi ai contenuti creati e distribuiti via internet (articolo, foto, ecc.), io dico che “l’obiettivo è il re.”

Il mezzo è secondario a questo, ogni mezzo, legale ed etico, è valido.


Contattami per qualsiasi dubbio o domanda, puoi sempre scrivermi direttamente, ti risponderò il prima possibile

    Confermo di aver letto e accettato la privacy policy*

    Apperti Mauro

    329 042 8990

    mauro@studiosolutions.it